Il progetto Virtual Dream nasce nel 1994. Nello stesso anno la formazione composta da Fabio Cerrone (chitarra), Francesco Fracassi (batteria), Andrea Galluzzi (basso) pubblica un brano "Rapa Nui" in un Cd compilation del mensile "Futura Music" e grazie ad un demo-tape trasmesso regolarmente da alcune stazioni radio, la band comincia a riscuotere un notevole interesse da parte del pubblico. Inizia così un'intensa serie di esibizioni live, tra cui due importanti concerti a Roma e Milano trasmessi in tv da Video Music e l'apertura della tournee italiana dei Brand X.
Tutto questo permette alla band di raccogliere lusinghieri consensi dalla stampa specializzata e da nomi quali: Pierre Moerlen (Gong) e Percy Jones (Brand X) che ne lodano lo spessore e la perizia tecnico-artistica.
Nel 1997 i Virtual Dream registrano il loro Cd d'esordio "Sintesi", che verrà presentato live in anteprima nel 1998 durante la trasmissione televisiva "Help" di Red Ronnie su TMC2.
Il cd viene seguito con grande interesse e la newsgroup Fusenet vota "Sintesi" tra i top 20 fusion album degli anni 90. Parallelamente al cd d'esordio vengono pubblicate compilation che comprendono due brani eseguiti dal gruppo: un remake del brano di Miles Davis "One telephone call/street scenes" e una versione strumentale del brano dei Beatles "Drive my car".
Nel 1999 c'è un primo cambiamento nella formazione con l'ingresso di Pierpaolo Ranieri al basso, mentre la band continua la sua intensa attività live di supporto al cd "Sintesi". Successivamente la formazione vede per un periodo nel proprio organico Pierpaolo Ferroni alla batteria. Fabio Cerrone e Pierpaolo Ranieri cominciano a scrivere nuovo materiale consci di aver trovato la giusta direzione e consolidato un sound personale. Dopo vari contatti con diverse etichette discografiche e l'ingresso nel gruppo del batterista Lucrezio de Seta, i Virtual Dream raggiungono il giusto equilibrio e cominciano ad arrangiare e registrare il nuovo materiale.
Nel Giugno del 2002 esce il nuovo cd "Casuality" nel quale la band si avvale della partecipazione di ottimi musicisti come Alessandro Gwis (keyboards, samples), Alessandro Tomei (sax) e Mario Distaso (percussioni). Il sound del nuovo cd della band è inoltre caratterizzato dall'esteso uso di strumenti usati dal trio, con i marziani loop del bassista Pierpaolo, il keyboard programming di Fabio e l'uso della virtual drum e di diverse percussioni da parte di Lucrezio. La promozione live di "Casuality" ha portato i Virtual Dream ad aprire concerti per band come gli storici Ten Years After e gli Ozric Tentacles.


- DISCOGRAPHY -
1994 - Futura Music n.2 - "Rapanui" (F. Cerrone)
1997 - Progressivamente - "One telephone call - street scenes" (Miles Davis)
1998 - Beatlesmania - "Drive my car" (along with: S. Lukather, Mina)
1998 - Virtual Dream "Sintesi" - GMP004 - Forum Progressivamente
2002 - Virtual Dream "Casuality" - VR-07 - Virtuoso Records / Audioglobe